Mercoledì 14 aprile 2010. E’ ufficialmente iniziata la settimana più importante dell’anno, la Design Week, che più di ogni altro appuntamento trasforma il nostro amato quartiere in una grande esposizione a cielo aperto dal sapore festaiolo. A colpi di martello, sapienti ritocchi di pittura, incessante lavorio di carpentieri, tappezzieri ed allestitori, il quartiere ha mutato faccia nel tempo di un vorticoso week-end. Un po’ in ogni dove scalcinati magazzini si sono trasformati per magia in splendide showroom, anfratti dimenticati in locations dal sapore minimal, tutti ugualmente pronti ad accogliere la miriade di nuove proposte scaturite dalla mente di designer più o meno geniali.

Ristoranti e bar della zona prontamente si sono messi in assetto di guerra, trasformando finestre in balconi per il take-away, aggiungendo qua e là sedie, tavolini e vetrinette per esposizioni di oggetti vari ed eventuali, alcuni persino tramutandosi completamente in lussuose boutique. E poi ancora paninari ambulanti, meglio definiti “sporchi” sembrano essersi catapultati da tutta Milano in Via Tortona per inondare l’aria di oleosi olezzi. Niente sembra essere lasciato al caso nell’inseguimento alla vena d’oro del business targato Fuori Salone 2010.

Meno contenti gli abitanti del quartieri che, radunati a campanello attorno i banconi dei bar della zona, osservano scuotendo la testa perplessi il gran via vai, sbottano di tanto in tanto frasi del tipo “a me sti architetti da quattro soldi mi hanno già rotto il BIIIIIPPPP”oppure “Sti camion di BIIIIPPPP (arrrggghhh) ho dovuto parcheggiare in duomo” per ritornare poi a un “Sti designer del BIIIPPP!!”.

Insomma vista la situazione e la filosofia di questo blog, che vuol informare a 360° su cosa accade nel quartiere, ho deciso di dare ai numerosi visitatori di Zona Tortona qualche consiglio per sopravvivere al Fuori Salone e…ai suoi abitanti!

N.B. tra parentesi trovate il numero civico

–         Se qualche passante vi urta in malo modo imprecando, meglio non ci facciate caso, è qualche autoctono che, bloccato nella calca del salone, cerca invano da circa 40 minuti di tornare a casa a piedi con la spesa in mano dopo una giornata di faticoso lavoro

–         Per arrivare in Zona non esiste solo la metro di Porta Genova, ma anche quella di Sant’Agostino, che vi eviterà il grande ingorgo che matematicamente si forma sul Ponte Verde.

–         Se volete mangiare qualcosa di buono evitando i bar di Superstudio ecc, vi consiglio per quanto riguarda i ristoranti Pique-Nique in via Borgognone 24; Trattoria all’Antica in via Montevideo 4; I Binari (1), Home Made (12), il Boccino (21) in via Tortona; Ciriboga (10), Trattoria Aurora (23), Joe’s Pena (17) in Via Savona; Il Grifo Nero in via Solari 12; Pizzeria Il Moro in Via Salaino 12; Saporisolari in Via Solari 48 e ArtFood in Via Vigevano.

–         Per una pausa al bar Frog Café (2), Papagayo Café (20), Caffè Savona; e Angelo’s Bistrot (55) in Via Savona Murphy’s Law Irish Pub Via Montevideo 3, Davenia lo storico bar “delle Sorelle” in Via Tortona 26, la pasticceria bar Clivati in Viale Coni Zugna 57.

–         Per uno shopping Made in Zona Tortona i negozi Carmen Veca Monili (1), Sartoria Luciano e Casa di Minea (17) in Via Savona; Melina Mannino in Via Tortona 4; Panpepato (2/A), Biciclette Zanazzi (40), Pane Cioccolato (15) e Maryflor (4) in Via Solari; Miracolo a Milano in Via Stendhal 47.

E ancora gli Outlet Emporio31 e Villa Delmitia in Via Tortona 31, DMagazine in Via Forcella 13, Pierre Bonnet In Via Tortona 4.

–         Se vi siete rotti della confusione del fuori salone e volete rintanarvi in un cinema avete tre possibilità: Multisala Orfeo in Viale Coni Zugna 50, Cinema Mexico in Via Savona 57 e Ducale in Piazza Napoli 27.

Per tutto il resto vivetevela al meglio, non bevete troppo, non fate schiamazzi per strada in tarda serata (la gente che vive qui il giorno dopo deve comunque andare a lavorare e i bimbi hanno bisogno di dormire…anche per la gioia dei vicini…), ma soprattutto rispettate le strade!! Non sono una discarica a cielo aperto e nemmeno un bagno pubblico!

Da Zona Tortona è tutto…per ora!

Roberta Ferrazzi
Benvenuto in I Love Zona Tortona & More! Ho fondato questo Lifestyle Blog nel 2009, dopo essermi trasferita nel quartiere di Zona Tortona a Milano, che è subito diventato casa. Quando non sono nella mia Egg chair a scrivere del mio quartiere preferito e delle cose che amo di più, lavoro come consulente di comunicazione online e off line (Shake your S communication) e racconto dei miei viaggi nel mio travel blog dedicato alle donne viaggiatrici LeCosmopolite.it. Amo il design, l’arte, la moda, la musica e il ballo (il tango in particolare), il buon cibo e le grandi tazze di caffè. Viaggio spesso in solitaria alla scoperta di nuove culture o alla ricerca di un po’ di relax. Per qualsiasi domanda in merito ai miei articoli o per collaborare con me, contattami! :)
http://www.shakeyour-s.com

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.